Registrati
Ti sarà inviata una password per E-mail

Sviluppato da BitNine Studio, Terrorbane è un gioco di ruolo per PC, Mac e Linux dalla grafica un po’ retrò e un gameplay apparentemente semplice.
Team Nerd ha avuto il piacere di provarlo alla Milan Games Week 2017, e ne siamo rimasti piacevolmente colpiti!

Una volta iniziato a giocare, vi renderete conto che Terrorbane non è come i giochi che siamo abituati a provare, ma chi – meglio del suo sviluppatore – può raccontarvelo?

Scambiamo due chiacchiere, quindi, con i ragazzi di BitNine Studio!

– Ciao! Intanto raccontateci qualcosa di BitNine Studio!
Hi there, beautiful people! BitNine Studio è un team composto da tre persone: Matteo e Andrea Leoni (che sono fratelli) e Luca Spazzoli (auto-proclamatosi CEO).
Ci piace definirci un “mucchio selvaggio” con una vera e propria dedizione alle idee strampalate e divertenti.
Ci siamo riuniti nel 2014 e abbiamo iniziato con prodotti gratuiti per il mercato mobile, prima di approdare al nostro primo, ambizioso progetto: Terrorbane!

– Abbiamo avuto il piacere di provare Terrorbane durante la Milan Games Week, e ce ne siamo letteralmente innamorati! Per chi non lo conoscesse, tuttavia, raccontatecelo un po’! 
Terrorbane è quello che ottieni quando mescoli bug catastrofici a una carriera da videogiocatori incalliti.
La storia vede uno sviluppatore alle prese con il suo ultimo progetto, appunto intitolato “Terrorbane”.
Egli vuole, a tutti i costi, che il giocatore testi il gioco per lui, peccato che non sappia fare bene il suo lavoro e che abbia disseminato bug e glitch ovunque!
Chi gioca avrà il compito di riuscire a trovare un modo di utilizzare i bug a proprio vantaggio per proseguire nella storia, navigando, fra un errore e un altro, il folle mondo che lo sviluppatore ha creato.
Si tratta di una vera e propria lettera d’amore a tutti i giochi che abbiamo amato nella nostra infanzia che, tramite questa premessa iniziale, prende affettuosamente in giro le cose che pensiamo di conoscere del mondo dei videogiochi.

– Come è nata l’idea di utilizzare i bug come colonna portante del vostro titolo?
Se c’è una cosa che nel mondo dello sviluppo dei videogiochi è riconosciuto universalmente, è proprio il fatto che ogni gioco ha i suoi bug.
I nostri titoli per mobile avevano i propri ed erano così esilaranti che mostrarli a parenti e amici era diventata un’occasione per ridere a cui facevamo fatica a rinunciare.
Quindi, un giorno, Luca (il nostro programmatore) ci chiese: “e se facessimo un videogioco in cui i bug sono gameplay?”. Quel giorno nacque Terrorbane.

– Alcuni potrebbero pensare che creare un gioco con bug e glitch sia un modo per semplificarsi i lavori, ma non è così. Avete incontrato molte difficoltà durante la lavorazione del vostro titolo? 
Terrorbane è prima di tutto un gioco umoristico, quindi i suoi bug sono appositamente studiati per fare ridere.
Il materiale non ci manca, ma farlo funzionare per un gioco che, fondamentalmente, è una lunga battuta diventa una sfida che ci impegna al cento per cento.
La principale difficoltà stà nella varietà del contenuto: solitamente in un videogioco si introduce un elemento di gameplay per poi via-via complicarlo, questo crea la complessità e profondità necessarie a portare il giocatore verso il finale.
In Terrorbane, invece, ogni nuovo bug è diverso da quello precedente, perchè se così non fosse non saremmo in grado di stupire chi ci guarda e provocare quella sensazione di “non me lo sarei mai aspettato” che porta alla risata.
In pratica ogni volta ripartiamo da zero.

– Quali reazioni vi aspettate dal pubblico? Combaciano con quelle avute dai giocatori che hanno provato la vostra demo in fiera?
Speriamo che il nostro lavoro piaccia a tutti quelli che lo provano, lavoriamo tutto il tempo per rendere le battute accessibili e efficaci per tutti.
Finora la risposta agli eventi è stata molto più che incoraggiante e non c’è sensazione più bella che vedere qualcuno ridere con quello che hai lavorato tanto per realizzare.
Si tratta comunque di un gioco che si basa sul testo e sulla lettura e potrebbe non piacere ai giocatori che hanno più voglia di muovere le mani, ma siamo orgogliosi (in qualche caso) di aver fatto appassionare anche chi all’inizio era scettico su di noi.

– Grazie mille per il vostro tempo! Un saluto ai lettori di Team Nerd?
Grazie a voi e salutoni glitchosi a tutti i lettori di Team Nerd! E ricordate, come dice il nostro caro (spocchioso) sviluppatore:
“Il miglior gioco del mondo è quello che si è fatti da soli, specie se è 100% bug free!”.

Dopo aver sentito la versione glitchosa di BitNine Studio, noi vi lasciamo una piccola recensione della demo scaricabile dal sito ufficiale di Terrorbane.

Nella demo già disponibile il giocatore ha la possibilità di conoscere a larghe linee le modalità di gioco e la storia intorno alla quale verte il titolo.
Vestirete i panni di Terrorbane stesso, ma nella schermata di selezione del nome avrete il più assoluto via libera per scegliere quello che più preferite..ah no?
Comunque, il caro sviluppatore – una figura con la quale sorgerà uno strano rapporto di odio/amore – vi terrà la mano e vi presenterà il gioco e i suoi personaggi, oltre all’importantissima lista dei bug.
Avete mai visto un titolo con personaggi così ben studiati? Noi scommettiamo di no!
Esplorate tranquillamente il villaggio di Baffoburgo, chiacchierate con gli abitanti, sperimentate le battaglie a turni contro le più disparate creature e create la vostra squadr- come? Una cassetta di pere non può entrare a far parte della mia squadra? Ma sa usare benissimo la spada!
Nonostante sia una breve demo, il numero di bug e glitch che potrete trovare è alto!
Insomma, che dire? Per il momento, Team Nerd promuove il titolo a pieni voti, e non vediamo l’ora di provare la versione completa!

Terrorbane al momento è su Steam Greenlight, correte a dare un’occhiata!
E voi? Avete provato la demo? Fateci sapere quali bug avete trovato!

CONDIVIDI:

Scrivi